dieta atkins

Dieta metabolica di Robert Atkins

Dieta Metabolica di Robert Atkins

Robert C Atkins era un cardiologo Newyorkese che studiò la Famosa Dieta Atkins, la dieta preferita dai Divi di Hollywood, molto conosciuta negli USA consisteva nel ridurre quasi completamente i carboidrati e aumentare le proteine e i grassi.

dieta atkinsRitenuta per molto tempo una dieta piuttosto pericolosa per la salute, potenziale fonte di disturbi cardiovascolari, malattie renali e aumento del colesterolo, è stata recentemente rivalutata da due studi condotti negli Stati Uniti che sembrano dimostrare il contrario, cioè che chi pratica tale regime alimentare ha un livello più alto di HDL, il cosiddetto colesterolo “buono”, che contribuisce alla prevenzione dell’ arteriosclerosi.

LA POSIZIONE UFFICIALE

I principi nutrizionali della dieta Atkins

1 – Perdita di peso. Il tuo organismo per produrre energia da sfruttare durante tutta la giornata brucia sia i carboidrati che i grassi. I carboidrati sono il primo “combustibile” ad essere metabolizzato, quindi se l’immissione di carboidrati è ridotta, l’organismo sarà costretto a utilizzare i grassi accumulati come primaria fonte di energia: così, in questa maniera bruciando i grassi di deposito, si riduce il peso corporeo e la massa grassa.

2 – Mantenimento del peso. Ognuno di noi ha il “livello critico di carboidrati per la perdita”, in inglese ” Critical Carbohydrate Level for Loosing (CCLL)”, cioè un limite, una soglia di assunzione di carboidrati sotto la quale l’organismo inizia a bruciare i grassi facendo verificare una perdita del peso corporeo, della massa grassa. Se l’assunzione di carboidrati supera questo limite, l’organismo utilizza questa fonte di energia, causando un accumulo di grasso e un aumento di peso. E ognuno ha un “Livello Critico di Carboidrati per il Mantenimento del peso” (CCLM).

3 – Buona salute. Per avere uno stato di buona salute basta che non si eccedono le dosi e si bilancia l’alimentazione, infatti chi mangerà carboidrati, alimenti ricchi di nutrienti, vitamine e sali minerali con contenimento avrà uno stato di salute migliore rispetto a chi segue un regime dietologico a basso contenuto di grassi e di calorie. Inoltre come già sai è importante una regolare attività fisica per non ingrassare e dimagrire, per tenere tonici i muscoli e per ottenere un buono stato di salute.

4 – Prevenzione delle malattie. Se controlli l’assunzione di carboidrati limitati la produzione di insulina e quindi il rischio di contrarre malattie croniche.

5 – L’approccio nutrizionale Atkins. Alla base di questa dieta c’è un percorso in quattro fasi, associato ad un apporto supplementare di vitamine e sali minerali e esercizio fisico regolare. Tale percorso ti permette di selezionare, su base consapevole, gli alimenti necessari per diminuire il peso e poi mantenerlo, ottenere un buono stato di salute e prevenire le malattie.

FASE 1 – INDUZIONE Ridurre il consumo di carboidrati a 20 gr giorno, ottenendo i carboidrati prevalentemente da insalate

FASE 2 – CONTINUAZIONE DELLA PERDITA DI PESO Aggiungere carboidrati ricchi di fibre e nutrienti, aumentandoli di 25 gr al giorno per la prima settimana, 30 gr per la seconda e così finché la perdita di peso non diminuisce; poi sottrarre 5 gr di carboidrati al giorno fino a raggiungere una moderata perdita di peso.

FASE 3 – PRE-MANTENIMENTO Fare un passaggio dalla perdita di peso al mantenimento, aumentando l’assunzione di 10 gr a settimana fino a che si individuano le quantità giuste per mantenere il peso.

FASE 4 – MANTENIMENTO (Regime da adottare per la vita) Selezionare una grande varietà di alimenti e ricette che, mentre si controlla l’assunzione di carboidrati, assicurino il mantenimento del peso e del benessere, magari con gusto!

I PARERI CONTRARI Vari studi hanno dimostrato che la perdita di peso ottenibile con la dieta Atkins, o con altre diete ad alto contenuto calorico, in realtà non è maggiore di quella ottenibile con altri tipi di diete, basate sul ridotto apporto calorico. Diete ad alto contenuto proteico e con minimo contenuto di carboidrati possono indurre chetosi, un disturbo metabolico in cui, a causa dell’abbassamento dei livelli di glucosio nel sangue, si formano delle sostanze chetoniche in eccesso che possono contribuire ad una varietà di disturbi: perdita di calcio, con un aumentato rischio di osteoporosi, aumento del rischio di calcoli renali. I menù tipici della dieta Atkins hanno inoltre la caratteristica di contenere una certa quantità di grassi saturi, un basso contenuto di fibre e un ridotto apporto di vitamine.

Per questo viene raccomandato un apporto supplementare di questi nutrienti. Senza tale apporto si potrebbe infatti verificare un rischio maggiore per le seguenti patologie: Cancro colorettale, Disturbi cardiaci, Disfunzioni renali, Osteoporosi, Complicazioni del diabete.

Anche questo tipo di dieta, o di approccio nutrizionale, rientra nella categoria di diete “anti-mediterranee” che in fasi alterne tornano di moda negli USA. Se seguita in modo rigoroso, con controllo medico e con tutte le integrazioni esterne di vitamine, fibre e sali minerali e associata a regolare attività fisica, come prescritto, porta senz’altro ad una diminuzione abbastanza rapida di peso senza conseguenze per la salute. Come regime alimentare definitivo invece risulta piuttosto difficile da adottare per un soggetto che vive in Italia e non sembra fornire particolari vantaggi rispetto alla nostra dieta, ricca di carboidrati, anche ad alto indice glicemico come pasta e pane, ma anche ricca, senza integrazioni, di fibre e vitamine.

Meglio perciò seguire una dieta varia, che apporti tutti i nutrienti necessari (vedi Fabbisogno di nutrienti) in accordo alla “cultura nutrizionale” del contesto cui si vive, cercando di controllare il peso limitando l’apporto calorico. (fonte: benessere.com)

Vota l'Articolo
Lascia un voto da 1 a 5 stelle per indicare a chi arriverà dopo di te la qualità di questo articolo, naturalmente spero in un voto alto ;-)

1 Stella2 Stelle3 Stelle4 Stelle5 Stelle (62 voti, media: 4,27 su un massimo di 5)
Loading...
 

Un commento su “Dieta metabolica di Robert Atkins

Lascia un commento